Guide e Tecniche Colturali : Come seminare la cannabis

Cannabis, come ripetuto più volte bisogna sapere bene quale tipologia di prodotto vogliamo realizzare con la nostra canapa.

Se abbiamo deciso di seminare canapa per produrre seme, dobbiamo scegliere prevalentemente tipologie qualità monoiche con fioritura veloce, come ad esempio Fedora, Felina, USO-31, queste varietà hanno uno sviluppo vegetativo ridotto, intorno ai 2 metri circa, questo permette la trebbiatura attraverso normali trebbiatrici.

La semina solitamente avviene nel mese di inizio Aprile / Maggio, seminare fuori stagione precocemente potrebbero causare delle prefioriture, con scalarità di maturazione del seme, con perdite nel momento del raccolto, con trebbiatrice, come tutte le semine vanno verificate le condizioni climatiche temporali/stagionali.

Anche la semina tardiva, crea delle problematiche, una delle principali problematiche può derivare dalla scarsità di acqua visto il periodo estivo in avvicinamento, con conseguenze di costi maggiori.

Vista la crescita lenta nei primi 20 giorni circa dalla semina, anche gli infestanti potrebbero avere la meglio, visti gli eccessi di irrigazione, questo potrebbe causare la copertura delle piantine .

Cannabis

Anche l’apparato radicale potrebbe risentirne, con conseguenze negative, visto lo stress idrico , sia nel momento dello sviluppo delle foglie, che è fondamentale per intercettare la luce e produrre energia per il seme, ma anche nel momento del riempimento del seme.

Verificate le condizioni , è possibile seminare con una semplice seminatrice da grano, ponendo il seme ad una profondità circa 2-3 centimerti, qualora il terreno risultasse particolarmente secco , sarebbe opportuno una rollatura in modo che si possa favorire la conservazione dell’acqua nel terreno.

L’interfila orintativamente di 15 centimetri, in modo da coprire il terreno per non favorire le erbe infestanti.

Si consiglia di seminare circa 40 chilogrammi di semi per ettaro, una semina inferiore potrebbe non coprire bene il terreno e favore anche in questo caso piante infestanti.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *